Storia di un simbolo

Quando mi accingevo a scrivere il testo sulla caccia con il chioccolo (U và cun a ciocciua) cercavo in modo frenetico una foto, un panorama un oggetto, più cose assieme che dovevano diventare un logo di accompagnamento del testo nei suoi capitoli principali , questo doveva rappresentasse al meglio la sintesi di questa caccia racchiudendo al suo interno flora, fauna e richiami.  La mia ricerca fù vana, o perlomeno non soddisfacente verso le mie esigenze; a quel punto decisi di costruirlo io, di disegnarlo. Ovviamente cims o6 mat doveva essere un chioccolo ma questo non basta a rappresentare gli strumenti che si usano ;ed ecco comparire la civetta con questi due richiami abbiamo una buona rappresentazione degli strumenti del chioccolatore. Mancava il riferimento alle prede , la cosa è stata semplice: è il merlo il rè di questa caccia è lui che può rappresentare tutta la categoria. Mi sembrava però che il simbolo mancasse di quel tocco finale che lo rendesse completo dal punto di vista del territorio, della natura: perciò una pianta, ma non poteva essere una pianta qualunque. Su questo non ho esitato molto nel decidere che fosse il corbezzolo a rappresentare la flora nel simbolo, una delle poche piante che hanno allo stesso tempo fiori e frutti un arbusto “allegro”. Una pianta appetita dal merlo e da altri uccelli  silvani una pianta mediterranea, molto bella, sempreverde, che ha dato molta vivacità e allegoria al  simbolo. Detto e fatto il simbolo diviene il logo del mio libro, tutto questo succedeva nel l’annata 2005/2006.  Il simbolo mi ha soddisfatto a tal punto che in due fasi successive  (2009-2010) l’ho incastonato usando varie essenze nel calcio del fucile. Nel 2013 dopo la pubblicazione del testo sul chioccolo inizia la mia collaborazione con la pagina facebook IL CHIOCCOLO diretta dall’amico Raffaele Morosini  il simbolo (che io ho dl3ato l’assenso di poterlo usare) diviene anche il logo ufficiale della pagina. Nel 2015 il disegno del simbolo viene rivisitato e abbellito dalla pittrice Ester Ferraris, a quel punto viene fatto un restyiling delle scritte della cornice, che prima riportava: Il chioccolo Traditionem-Cultura et Continuum- vengono aggiunte due frasi ARS-VENANDI e   GRUPPO ITALIANO CHIOCCOLATORI con la sigla (G.I.C.), allo stesso tempo vengono anche inserite due bande di colore  bianco, rosso, e verde  che simboleggiano i colori nazionali. Nel 2017 viene creato il simbolo in versione trapuntata.  NOTA: Il vecchio simbolo accompagnerà anche il mio nuovo lavoro sul chioccolo e i richiami  dal titolo provvisorio: ALLE ORIGINI DEL CHIOCCOLO un percorso a ritroso sull’uso dei richiami di  questa affascinante caccia.

 

faceLe tappe principali del simbolo

vino-fucile-montignoso-2016Il simbolo nel vino e nell’incisione di un fucile

 

logo

Il simbolo dei chioccolatori trapuntato e cucito sopra un  gilet della BERETTA  una Ditta storica per la caccia in italiana e nel mondo.

Annunci