Vegetali/Naturali

n0

n1Tiriticchiti costruiti da Marco Stagnaro (MIRKO) .Strumento già in voga nel 1800. Giuseppe Pitrè (1883) ne fornisce il nome locale e l’uso:≪Lu tirititì…..è uno dei tanti strumenti onde si richiamano gli uccelli, particolarmente i pettirossi. Fenech Natalino. (2010)ne fornisce la versione “moderna” fatta con un chiodo e un tappo a corona .

t-a-cIl richiamo del pettirosso eseguito da Marco Stagnaro (Mirko) con un tappo a corona (grolina) e un chiodo messo in tensione da una cordicella come documentato dal bel libro di Natalino Fenech (2010) Birds of Malta (particolare della foto in alto a destra)

n2

Il richiamo del gufo eseguito utilizzando una galla della quercia.

La galla non è altro che un tumore della pianta.  Ma per  la sua conformazione e la sua leggerezza veniva  utilizzata anticamente per fare collane e per fare dei galleggianti per la pesca con la canna, della sua leggerezza ne parla anche Pascoli. Per  la  facilità  con cui si può svuotarla e per la coriacità del suo involucro è utilizzata  dai cacciatori anche per fare fischi/richiami per la caccia.

n3

Foto wFotoLo svuotamento dei semi o dei gusci per ricavarne dei fischi è molto antico, si può tranquillamente dire antichissimo…Gli esperti ci dicono che….Già i Sumeri ritenevano che il gufo fosse associato alla morte: in una tavoletta risalente al 2300-2000 a.C. è possibile vedere rappresentata una dea affiancata da due gufi ai lati che rappresentano la morte…….Per noi cacciatori/CHIOCCOLATORI fare il verso del gufo o dell’allocco aiuta a stanare la preda. Nella piccola scheda da me costruita sono evidenziati alcuni modi e arnesi per imitarne il verso, con le mani che formano un globulo, con la galla della quercia, e con il guscio della noce.

gr-sRichiamo per il verso stridulo eseguito da Marco Stagnaro (Mirko )con la chela del granchio come viene praticato in Francia e Spagna (sul verso stridulo ci ritorneremo è in atto una ricerca che ci conduce molto lontano nel tempo).

fouluEcco la versione dello stridulo con il granchio da scoglio (U Foulu) Nome dialettale Rivano Questo Granchio lo catturavamo da ragazzi per asportagli la chela maggiore e farne un ciondolo da appendere al collo con un cordino . La procedura per fare lo stridulo suggeritami dall’Amico francese Jean Pierre è la seguente…fregare la punta della chela con la carta vetrata fino a far apparire un piccolo buco…provare…. e se occorre carteggiare nuovamente allargando il buco sino ad avere la giusta sonorità. Marco Stagnaro (Mirko)

stridulo-spirale-aureaRichiamo ideato e costruito da Marco Stagnaro(Mirko) Richiamo per il verso stridulo con una conchiglia a cono pronunciato. L’utilizzo delle conchiglie come strumento per l’amplificazione della voce è citato nella mitologia greca e il dio Tritone è raffigurato mentre suona una grande conchiglia… …un triton immane che con la cava sua cerulea conca tremar si facea e i liti intorno. …l’armata etrusca – lo porta un gran tritone che del mare l’azzurra stesa assorda con la conca…( Eneide libro V).  La nostra conchiglia è molto più piccola di quella del dio Tritone; ha un diametro nel punto massimo di 12 mm e una lunghezza di 42 mm dopo che è stata asportata la punta, ma svolge altrettanto bene il suo lavoro. Il suono eseguito all’interno della spirale aurea della conchiglia risulta molto buono e la modulazione è ottima.

60-mrRichiamo numerato (RM 60). Flauto nasale in legno di mogano e noce costruito da Marco Stagnaro (Mirko) seguendo i lineamenti di un vecchio modello indios delle tribù amazzoniche i quali lo usavano per imitare il verso della scimmia (una delle prede più ambite) e di numerose specie di uccelli. Con lo stesso si imita molto bene il verso del GUFO.