Chioccoli mantice

rmm

46-rm(RM 46)  Chioccolo ideato e costruito da Marco Stagnaro (MIRKO) Questo modello è l’ideale per chi ha difficoltà ad usare il chioccolo a fiato .L’impugnatura ad anello da me ideata consente di tenere il chioccolo in diverse posizioni anche al momento dello sparo (vedere Fig.1 e Fig.2) e di azionarlo con un solo dito. Gli ornamenti floreali sono eseguiti con la tecnica del pirografo e china su legno di faggio. I fregi sull’anello e sulla fascia porta anello sono in old Sheffield.

M(RM 46a) Le varie posizioni con il fucile puntato.

14-rm(RM 14)  Chioccolo mantice ideato e costruito da Marco Stagnaro (Mirko) con vite di regolazione del punto basso del mantice.

15-rm(RM 15 )  Chioccolo mantice da tavolo ideato e costruito da Marco Stagnaro (Mirko)

33-rm(RM 33)  Impugnatura ad anello regolabile per vari tipi di chioccoli .Ideata e costruita da Marco Stagnaro (Mirko)

54-rm(RM 54)  Chioccolo a pedale ideato e costruito da Marco Stagnaro (MIRKO) settembre 2014 Questo chioccolo funziona premendo con il piede nel punto desiderato e rilasciando in modo semi-graduale. utile per chi chioccola da posizione eretta o da seduto non va bene per chi chioccola da inginocchiato

54a-rmRM (54) Il chioccolo a pedale nelle sue varie angolature.

chioccolo-manticecon-camera-daria

Per costruirsi i chioccoli, i vecchi e ingegnosi chioccolatori, usavano molti materiali e normalmente erano materiali di recupero, di riciclo, questo ne è un esempio ; Il chioccolo mantice con l’ausilio di una vecchia camera d’aria di bicicletta o di motorino . La foto (1) mostra le componenti povere di questo richiamo, la foto (2) mostra l’opportunità di usare il richiamo con l’ultimo pezzo di camera d’aria srotolata che funge da tubo amplificatore, nella foto (3) viene mostrato il legnetto inserito all’interno del tubo di gomma che consente una agevole arrotolatura e una buona chiusura con la canapa come si vede nella foto (5) . Questo richiamo lo si posizionava sul ginocchio e individuato il punto giusto dove schiacciare lo si rilasciava in modo semi graduale per poter far uscire il  mitico chiò, del merlo; perciò si preme e si rilascia, l’opposto del funzionamento del quagliere foto (4). Altri cacciatori usavano appenderlo al collo con un cordino e lo manovravano all’altezza dello sterno. Richiamo questo,che non permette modulazioni, non facile da usare. Bisogna individuare bene il punto dove schiacciare,alcuni lo segnavano o incollavano un pezzetto di legno risolvendo in parte il problema, restava la tempistica del rilascio . Richiamo costruito da Stagnaro Marco (Mirko)